Realizzazione di una nuova discarica per rifiuti solidi urbani e assimilabili

Dati del progetto
Committente: Società pubblica
Luogo e anno: Mirabello M.to (AL), 2002
Importo lavori: Euro 21.040.000
Tipo di incarico: Progettazione preliminare e definitiva. Valutazione di impatto ambientale.

Caratteristiche principali

Progetto caratterizzato da elevati standard di sicurezza e rispetto per l'ambiente, in anticipo sui tempi rispetto ai criteri poi fissati dal D.Lgs. 36/2003.

La suddivisione della vasca in settori idraulici indipendenti, la conformazione delle pendenze e i sistemi di raccolta e smaltimento delle acque meteoriche sono stati tutti concepiti in modo da minimizzare la formazione di percolato.

Descrizione

Premessa

L'intervento ha previsto la realizzazione di un impianto di interramento controllato per lo smaltimento di rifiuti speciali non pericolosi (ex categoria 2 tipo B), in Comune di Mirabello Monferrato (AL).

Nella progettazione si è tenuto conto dei seguenti fattori vincolanti:

  • morfologia generale e caratteristiche dimensionali dell'area disponibile;
  • morfologia generale e caratteristiche dimensionali dell'area disponibile;
  • assetto geolitologico e caratteristiche geotecniche dei terreni;
  • assetto idrogeologico della zona di intervento, ricavato da specifiche osservazioni ed indagini approfondite nella zona;
  • climatologia del comprensorio con particolare riferimento ai dati pluviometrici;
  • tipologia dei rifiuti smaltiti, soprattutto in ordine al loro contenuto in materiale organico;
  • modalità di coltivazione, studiate per aumentare la quantità di rifiuti stoccabile e per minimizzare le produzioni di percolato.

Ulteriori vincoli progettuali sono stati assunti nel senso di realizzare un impianto dotato di un livello di sicurezza estremamente elevato, in particolare in relazione alle potenziali fuoriuscite di percolato.

Caratteristiche dimensionali

  • Superficie totale dell'area di proprietà: 126.000 mq;
  • Superficie totale recintata: 118.000 mq;
  • Superficie utile per lo smaltimento: 59.100 mq;
  • Quota minima e massima dell'invaso: 91.50 m e 97.30 m;
  • Quota massima raggiunta dall'accumulo dei rifiuti: 113.50 m;
  • Volume totale disponibile: 612.000 mc;
  • Volume netto dei rifiuti: 461.000 mc;
  • Volume occupato dal drenaggio di fondo: 18.000 mc;
  • Volume copertura finale: 133.000 mc;
  • Pendenza scarpate argine: 20 gradi.

Caratteristiche costruttive

L'impianto di smaltimento è stato realizzato creando ex novo un invaso entro un ripiano alluvionale caratterizzato da modeste ondulazioni altimetriche. La sua costruzione ha comportato la creazione di un nuovo collegamento viario e di un impianto per selezione meccanica e triturazione dei rifiuti, con ulteriori locali di servizio.

Il fondo e le pareti dell'invaso sono rivestiti con una barriera impermeabile di tipo composito. In anticipo rispetto ai criteri di seguito fissati dal D.Lgs. 36/2003, il livello argilloso è stato previsto dello spessore di almeno 200 cm, steso a strati, addensato e rullato in modo da ottenere una permeabilità inferiore a 1.0E-09 m/s.

Al di sopra, è stata prevista la stesura di una geomembrana sintetica impermeabile, composta da teli in HDPE dello spessore di 2.5 mm, saldati in opera. I due materiali impermeabilizzanti (geomembrana e barriera di argilla) sono stati posti a diretto contatto, senza soluzione di continuità.

La vasca di stoccaggio è stata suddivisa in sei settori idraulici indipendenti: ogni settore è provvisto di un punto di raccolta e sollevamento del percolato. Il perimetro di tutta l'area è stato conformato in modo da evitare che acque esterne possano scorrere verso l'interno dell'impianto. Le acque meteoriche interne, sia durante la coltivazione che ad esaurimento dell'impianto, sono raccolte da un sistema di canalizzazioni e fossi da cui, attraverso alcuni punti definiti e convogliati, defluiscono verso i sistemi di smaltimento esistenti.

Per quanto concerne il biogas, il cui sviluppo nel tempo è stato previsto mediante l'utilizzo di un modello matematico, si è adottato un impianto di captazione attiva (estrazione forzata) la cui realizzazione avviene in maniera modulare, seguendo l'avanzamento del fronte di scarico dei rifiuti. La captazione del biogas è garantita fin dalle sue prime fasi di formazione, ovvero a partire già dalla fine del primo anno di coltivazione. Il biogas estratto viene inviato ad un impianto di recupero energetico.

© 2017 Bortolami - Di Molfetta S.r.l. - Via Peano, 11 - 10129 Torino - C.F./P. IVA 10359910014 - REA di Torino n. 1126692 - Cap. Soc. interamente versato € 10.000

Navigazione

Contattaci