Antonio Di MolfettaDirettore Tecnico

Antonio Di Molfetta è stato Professore Ordinario di Ingegneria degli acquiferi presso il Politecnico di Torino, membro del Collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in Geoingegneria ambientale e coordinatore del Master di 2° livello in Ingegneria del Petrolio.

Ha svolto una intensa attività di ricerca su vari temi dell'ingegneria dei fluidi del sottosuolo, coordinando numerosi programmi di ricerca finanziati dal Ministero della Ricerca Scientifica, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Regione Piemonte; tale attività è documentata da oltre 150 pubblicazioni a stampa. È autore dell'unico testo di Ingegneria degli acquiferi edito in Italia. Ha partecipato in qualità di relatore a numerosi Convegni, sia in Italia che all'estero.

A partire dal 1981 ha iniziato, in parallelo con l'attività universitaria, quella di consulente e professionista, collaborando con numerose aziende sia pubbliche che private. In tale ruolo ha potuto utilizzare l'esperienza di studi e ricerche svolte nell'ambito della cattedra universitaria, trasferendola soprattutto nei settori della salvaguardia delle risorse idriche sotterranee, della realizzazione di impianti di smaltimento di rifiuti a basso impatto ambientale, dell'analisi di rischio e della caratterizzazione e bonifica di siti contaminati. È stato coprogettista di 18 impianti di smaltimento rifiuti di diverse tipologie e della prima barriera permeabile reattiva realizzata in Italia. È stato coordinatore del Gruppo di lavoro di Confindustria per la revisione del D.M. 471/99 sulla bonifica dei siti contaminati, le cui conclusioni sono state ampiamente recepite nel nuovo Testo Unico Ambientale (D.Lgs. 152/06).

Numerose anche le perizie in campo giudiziario, come consulente tecnico d'ufficio o di parte; fra i procedimenti più importanti dal punto di vista tecnico possono essere citati il crollo dei bacini minerari di Stava, l'eruzione incontrollata del pozzo petrolifero di Trecate, l'inquinamento della falda provocato dalla rottura di un oleodotto all'interno del Parco del Ticino, l'inquinamento connesso alle attività delle aree industriali di Brindisi, Ferrara, Colleferro (RM), Priolo (SR), Bussi (PE), Pieve Vergonte (VB).

Giancarlo BortolamiDirettore Tecnico

Giancarlo Bortolami ha iniziato la sua attività didattica e scientifica presso l'Università di Torino; è stato analista e rilevatore per la Carta Geologica d'Italia a contratto con il Ministero dell'Industria, assistente e in seguito Professore Associato stabilizzato, dapprima in Geologia Applicata e successivamente in Geologia Ambientale.

È stato consulente della Regione Piemonte nella realizzazione del Progetto per la pianificazione delle risorse idriche del territorio piemontese. Ha fatto parte della Commissione Interateneo Università - Politecnico di Torino per la definizione dell'idoneità dei siti PO1 e PO2 alla localizzazione di una centrale elettronucleare in Piemonte. E’ stato membro del Comitato Tecnico Consultivo della Provincia di Torino sul problema dello smaltimento rifiuti, e del Comitato Interuniversitario dell’Università di Torino per la realizzazione del Sistema Informatico Nazionale sull'Ambiente (SINA).

Ha svolto un intensa attività di ricerca su vari temi della geologia dei complessi cristallini e sedimentari, acquisendo un indispensabile back-ground geologico di terreno, per passare successivamente a temi più specificamente geologico-applicativi e ambientali, dedicati alla idrogeologia dei mezzi porosi e fessurati, ai problemi di protezione e di gestione delle risorse ambientali con particolare riferimento alle risorse idriche, allo studio di previsione e prevenzione dei rischi geologici, mediante anche la realizzazione di cartografia tematica. Ha partecipato in qualità di relatore a numerosi Convegni, sia in Italia che all’estero. È autore di oltre 140 pubblicazioni scientifiche.

A partire dal 1980 ha iniziato l'attività di libero professionista, collaborando con numerose aziende sia pubbliche che private. Numerose anche le perizie in campo giudiziario, come consulente tecnico d'ufficio o di parte. Fra i procedimenti più importanti dal punto di vista tecnico possono essere citati il crollo dei bacini minerari di Stava, l'inquinamento del F.Bormida da parte dell'ACNA di Cengio, l'inquinamento da rottura di un oleodotto nel Comune di Vigevano.

Paolo CorderoProgettista

Paolo Cordero si è laureato in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio nel 2004 presso il Politecnico di Torino. Dal 2006 è iscritto all'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Torino (n. 9954W). Nel febbraio 2008 ha conseguito l'abilitazione per il ruolo di Coordinatore della sicurezza nei cantieri.

Dal 2004 al 2005 ha svolto un progetto di ricerca sulla Determinazione delle aree di salvaguardia di pozzi ad uso idropotabile mediante criterio cronologico, per conto della Regione Piemonte, presso il Politecnico di Torino.

Dal 2005 al 2006 ha svolto attività didattica in Brasile, presso HYDROAID - Scuola Internazionale dell'Acqua per lo Sviluppo, nel corso post-lauream di Specializzazione in Gestione Integrata delle Risorse Idriche e dei Rifiuti nelle Città, nell'ambito del Programma di Cooperazione tra il Brasile e l'Italia per il Risanamento Ambientale.

Dal 2004 svolge attività di consulenza presso lo Studio Bortolami e Di Molfetta e dal 2011 è socio della Bortolami - Di Molfetta srl. Si occupa in particolare di gestione e salvaguardia delle risorse idriche sotterranee, progettazione di pozzi ad uso idropotabile, modellizzazione matematica dei fenomeni di flusso e di trasporto, caratterizzazione e bonifica di siti contaminati, progettazione di impianti di smaltimento rifiuti, direzione operativa e coordinamento della sicurezza nei cantieri.

Valerio ZollaProgettista

Valerio Zolla consegue la laurea con lode in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio nel luglio 2004, presso il Politecnico di Torino. Dal 2006 è iscritto all'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Torino (n. 10277T).

Dal 2005 al 2007 frequenta il corso di Dottorato in Geoingegneria Ambientale presso il Politecnico Torino, ove svolge attività di ricerca scientifica in tema di tecnologie innovative di bonifica degli acquiferi contaminati, geochimica delle acque di falda e modellizzazione dei fenomeni di trasporto reattivo.
È autore di diverse pubblicazioni scientifiche e partecipa come relatore a convegni nazionali ed internazionali. Nel 2008 consegue il titolo di Dottore di Ricerca.

Dopo sei anni di collaborazione, nel 2011 diventa socio della Bortolami - Di Molfetta srl. Come consulente e progettista si occupa prevalentemente di caratterizzazione e bonifica di siti contaminati, decommissioning di siti industriali dismessi, due diligence ambientali e analisi di rischio.

Svolge numerose consulenze tecniche d'ufficio e di parte in materia ambientale nell'ambito di procedimenti giudiziari. Fra i procedimenti più importanti possono essere citati la valutazione del danno ambientale del S.I.N. di Pieve Vergonte (come ausiliario del prof. Di Molfetta) e l'inquinamento da Cromo VI in falda dell'ex Way Assauto di Asti.

Bianca Saudino DugheraProgettista

Bianca Saudino Dughera ha conseguito la laurea con lode in Scienze Geologiche nel novembre 2002, presso la Facoltà di Scienze M.F.N. dell'Università di Torino. Dal 2005 è iscritta all'Ordine dei Geologi del Piemonte di Torino (n. 634).

Nell'ambito della tesi ha svolto attività di ricerca e pubblicazioni sulle sorgenti della Collina di Torino e del Monferrato, sia dal punto di vista geologico-idrogeologico, sia scientifico-ambientale; ha inoltre collaborato al progetto di un acquedotto nell'area di Davao nelle Filippine, nell'ambito del programma di cooperazione per paesi in via di sviluppo "Buda Boys Town".

Nel 2003 inizia la sua collaborazione con lo Studio Bortolami e Di Molfetta, occupandosi in particolare di pianificazione territoriale, caratterizzazione geologica, geotecnica e sismica del sottosuolo, gestione e utilizzo delle risorse idriche sotterranee, caratterizzazione e bonifica di siti contaminati, direzione operativa di cantieri.

Dopo 8 anni di collaborazione, dal 2011 è socio della Bortolami - Di Molfetta srl.

Ha svolto consulenze tecniche d'ufficio e di parte in materia ambientale nell'ambito di procedimenti giudiziari.

Gianna SannaResponsabile amministrativo

Gianna Sanna si è diplomata in Ragioneria a Torino. Dal 1986 al 2010 ha lavorato come segretaria amministrativa dello Studio Bortolami e Di Molfetta.

Dal 2011 copre il ruolo di responsabile amministrativo presso la Bortolami - Di Molfetta srl.

© 2017 Bortolami - Di Molfetta S.r.l. - Via Peano, 11 - 10129 Torino - C.F./P. IVA 10359910014 - REA di Torino n. 1126692 - Cap. Soc. interamente versato € 10.000

Navigazione

Contattaci